16/10/2011 (San Severo - Foggia) La Del...

16/10/2011 (San Severo - Foggia) La Delegazione della Puglie incontra il Cardinale Gran Priore      
Written by Delegation of Puglie   

Nella chiesa di San Severino Abate, Patrono della città di San Severo, si celebra per la prima volta dopo più di 40 anni, la Santa Messa gregoriana, secondo le disposizioni del Motu Proprio Summorum Pontificum, di S.S. papa Benedeto XVI.
Celebra la Santa Messa nella forma extra ordinaria del Rito Latino Romano, Sua Eminenza il sig. Cardinale Dario Castrillon Hoyos, prefetto emerito della Congregazione per il Clero, Presidente emerito della Pontificia Commissione Ecclesia Dei, Gran Priore del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio.


Il servizio liturgico è curato dai sempre bravissimi Frati Francescani dell'Immacolata.
Il Cardinale ha raggiunto la Chiesa di San Severino, accompagnato processionalmente dai Cavalieri Costantiniani, dai Confratelli dell'Arciconfraternita dell'Orazione e Morte di N.S.G.C., e dai Confratelli della Pia Associazione di San Severino, provenendo dalla vicina chiesa di Santa Maria della Pietà dove, in una suggestiva e raccolta cerimonia, è stato ricevuto nell'Arciconfraternita in qualità di Confratello onorario.


L'omelia è stata l'occasione per spiegare alla moltitudine dei fedeli presenti, il senso della celebrazione in latino, nella forma straordinaria del Rito Romano, secondo la mens del Santo Padre Benedetto XVI. "Che non sia uno spettacolo!", si è raccomandato Sua Eminenza, perchè "troppo grande è il Mistero del Santo Sacrificio che si compie sull'Altare".


Una lezione magistrale che difficilmente qualcuno dei presenti potrà dimenticare. E se la Santa Messa del Cardinal Castrillon Hoyos è la prima celebrata nella chiesa di San Severino con l'antico Messale, sin dalla riforma dell'Ordo liturgico, si spera vivamente che non sarà l'ultima. Si spera che, accogliendo, in spirito di benevola obbedienza, i desideri del Sommo Pontefice Benedetto XVI, anche in questa splendida chiesa si possa presto introdurre una celebrazione abituale.

La grande affluenza dei fedeli e la loro composta ed attenta partecipazione sono la misura di un'esigenza pastorale che il Papa conosce bene e alla quale, paternamente e amorevolmente, è voluto venire incontro col grande dono, alla Chiesa universale, del Summorum Pontificum.

Giovanni Schinaia

 

Contacts Royal Deputation

  |  

Sitemap

  |  

Links

  |  

Guestbbook

  |  

Webmaster

  |  

Contacts Royal Deputation

  |  

Sitemap

  |  

Links

  |  

Guestbbook

  |  

Webmaster

  |  

You are here:  >> News  >> Archive 2011